L’Avvocato del Martedì_ RISARCIMENTO DA DISAGI: LO STRESS E’ UNA PATOLOGIA RISARCIBILE?

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Lo Stress è un malessere comune a molti soggetti, ad oggi, risulta essere una risposta psicofisica a compiti anche molto diversi tra di loro, di natura emotiva, cognitiva e sociale, che la persona percepisce come eccessivi e spropositato. Lo stress si può distinguere in due categorie:
 stress acuto: quando il soggetto cogliere l’affaticamento nell’arco limitato nel tempo;
 stress cronico: allorquando, la fonte di stress è permanente nel tempo;
 stress cronico intermittente: è uno stress che si palesa, ad intervalli regolari, con una durata limitata e buon livello di prevedibilità.
Ragion per cui, il turbamento, la pressione psicologica, l’ansia e lo stress rappresentano patologie degenerative che compromettono negativamente la qualità della vita del soggetto che lì subisce, affinché possano essere risarcite devono cagionare un danno alla salute, diritto garantito costituzionalmente e, deve essere dimostrato con documentazione medica.

L’avvocato del Martedì_ IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA QUERELA E/O DENUNCIA CALUNNIOSA INFONDATA SI PUO’ OTTENERE?

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Il diritto al risarcimento dei danni patrimoniali e non patiti per effetto del processo penale non presuppone la qualificabilità del fatto illecito come reato, giacché anche una denuncia e/o querela rilevatasi infondata può ledere beni costituzionalmente tutelati quali la dignità, l’onore ed il prestigio della persona (Cass. n. 549/2012).

L’avvocato del martedì_ Muffa in casa in affitto: l’inquilino ha diritto al risarcimento dei danni alla salute?

res_1474917229377

Se l’appartamento è in affitto chi risponde dei danni cagionati dalla muffa?
La tutela del diritto alla salute prevale su qualsiasi patto di esclusione di colpa tra i privati, tale principio è stabilito dalla Corte di Cassazione (sentenza n. 38559/14), pertanto, il locatore di un immobile è responsabile per i danni alla salute subiti dal conduttore nel corso del contratto e dovuti alle condizioni abitative dell’alloggio.
La Corte Suprema, ha affermato che il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell’immobile locato quand’anche tali condizioni fossero note al conduttore al momento della conclusione del contratto, poiché la tutela del diritto alla salute prevale su qualsiasi patto interpretativo di esclusione o limitazione di responsabilità.

L’AVVOCATO DEL MARTEDI’- DANNO ALLA SALUTE: TRASFUSIONI E DANNO DA CONTAGIO DA EPATITE “C”, QUALI SONO I DIRITTI DEL PAZIENTE?

2016-09-19-21-53-42

Caso: Nell’anno 1990 il sig. Mevio, si reca presso la struttura ospedaliera dell’ospedale “X” sito in località “Y” e veniva ricoverato d’urgenza a causa di un’anemia causata da un deficit di ferro nell’organismo. Durante il periodo di degenza ospedaliera a seguito di esami effettuati, l’emocromo mostrava una riduzione del quantitativo di emoglobina e di globuli rossi (MCV) al di sotto dei normali valori di riferimento, e dato che non poteva essere curato con una terapia farmacologica vista la gravità della malattia, il sig. Mevio veniva sottoposto a trasfusioni di sangue, affinché fossero idonee e sufficienti a riportare i valori ai normali livelli. Ma sfortunatamente le trasfusioni che gli venivano somministrate dall’ente ospedaliero presso il quale era ospitato, erano trasfusioni ad emotrasfusione di plasma ed emoderivati infetti dal virus dell’HCV. Pertanto, il sig. Mevio, a seguito della trasfusione da sangue infetto, scopre solamente qualche anno dopo di risultare reattivo al virus e di aver contratto “l’epatite C” – post trasfusionale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi