L’Avvocato del Martedì_ INCIDENTE PER BUCHE STRADALI: IL RESPONSABILE E’ SEMPRE IL CUSTODE DELLA STRADA?

L'avvocato del martedì

Sfortunatamente le nostre strade orami, non sono più sicure a causa della “cattiva manutenzione” del manto stradale, come il caso della buca sull’asfalto o di un tombino lasciato scoperto ecc…
Pertanto, i gestori delle strade hanno sempre l’obbligo di tenerla in condizioni di sicurezza, poiché grava su di essi il cosiddetto “obbligo di custodia”. Il conducente o il pedone che capitombola sul manto stradale a causa di una macchia d’olio, un dissesto in un marciapiede, può ottenere il risarcimento del danno, dacché i danni da insidie stradali sono risarcibili nel momento in cui l’anomalia si trova su una strada di apparente normalità e riveste le caratteristiche di pericolo occulto, non visibile e non evitabile.

L’Avvocato del Martedì_ SINISTRI STRADALI: IL PEDONE HA SEMPRE RAGIONE?

Eccoci, al nostro appuntamento settimanale con L’AVVOCATO DEL MARTEDI’.

Una situazione sfortunatamente abbastanza frequente è quella che vede come protagonista di un sinistro stradale un pedone in quanto urtato o travolto da un automezzo. Il sinistro che coinvolge un pedone sfugge all’applicazione del sistema dell’indennizzo diretto o risarcimento diretto, poiché in tale situazione il conducente del mezzo deve dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitate l’investimento secondo la regola stabilita dall’art. 2059 c.c. per il quale “il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cosa dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno”. Questo è il tipo caso di un pedone investito mentre attraversa una via percorrendo le strisce pedonali che vengono normalmente segnalate in anticipo dalla cartellonistica stradale.

L’Avvocato del Martedì_ BUCHE STRADALI: QUANDO E’ POSSIBILE IL RISARCIMENTO DEL DANNO AL PEDONE

L'avvocato del martedì

Non è una novità per chi va a piedi cadere e riportare danni fisici in seguito alle insidie e/o trabocchetti presenti nei marciapiedi o sul manto stradale.
Cosa succede in tali casi?

Il Codice della Strada e il contenzioso in materia infortunistica.

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Il Codice della Strada e il contenzioso in materia infortunistica: Step necessari per ottenere il risarcimento dei danni derivanti da sinistri stradali, strumenti necessari (risarcimento diretto o tradizionale) ed infine la prescrizione per la richiesta dei danni (biologico e/o materiale) derivanti dai sinistri stradali.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi