L’AVVOCATO DEL MARTEDI’_ PIGNORAMENTO PRESSO TERZI: LA NOTIFICA AL TERZO DELL’ORDINANZA DI ASSEGNAZIONE DELLE SOMME

Avvocato Francesca Paola

La rubrica settimanale
– Dell’avvocato del Martedì –
a cura dell’avvocato Francesca Paola Quartararo

L’Avvocato del Martedì_ PIGNORAMENTO PRESSO TERZI: QUALI LE CONSEGUENZE

2017-05-22 22.47.24

Cosa è il pignoramento presso terzi?
Il pignoramento presso terzi riguarda i beni del debitore che sono nella disponibilità del terzo. La norma 543 c.p.c., disciplina l’istituto, contempla due distinti ipotesi di pignoramento presso terzi: quella in cui il terzo sia in possesso di beni del debitore o quella in cui quest’ultimo vanti crediti nei confronti del terzo. Pertanto, con il pignoramento presso terzi, il creditore pignora non già i beni attualmente nella disponibilità materiale del debitore, ma quelli che ancora non si trovano nel suo possesso: si tratta, di norma, di somme di denaro che gli devono essere versate da un soggetto terzo, come ad esempio il datore di lavoro, la banca, l’ente di previdenza, l’inquilino, ecc. Proprio per ciò, tale soggetto viene definito “debitore del debitore”. In pratica, il creditore notifica l’atto di pignoramento non solo al debitore, ma anche al suo debitore (ecco perché “debitore del debitore” o anche “terzo pignorato”), intimando a quest’ultimo di consegnare, direttamente al creditore – e non già al debitore – la somma pignorata…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi