L’Avvocato del Martedì_ RETRIBUZIONE: COME SAPER LEGGERE UNA BUSTA PAGA.

Avv. Francesca Paola Quartararo

Cosa è la retribuzione?
Il contratto di lavoro è un contratto a prestazioni corrispettive, mediante il quale il lavoratore si obbliga a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro manuale o intellettuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore, mentre quest’ultimo si obbliga a corrispondere al lavoratore una retribuzione come corrispettivo.
La retribuzione tutelata a livello costituzionale all’art. 36, deve essere proporzionata e sufficiente, difatti, la norma sancisce solennemente che “il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé ed alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa”. Si tratta di una norma che non ha solo il valore programmatico di vincolo per legislatore di attuare il principio in essa contenuto, ma contiene un precetto idoneo e regolare direttamente il rapporto di lavoro. Dunque, il lavoratore ha un diritto indisponibile a una retribuzione che sia proporzionata e sufficiente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi