Sabato 1 Ottobre 2016, Convegno: “La Responsabilità Medica: Nuovi profili di tutela”

Avvocato Francesca Paola Quartararo

RESPONSABILITA’ MEDICA: Nuovi profili di tutela …. (Convegno, Sabato 1 ottobre 2016)
Sabato 1 Ottobre 2016 si è svolto presso i locali dell’Associazione EcuLab di Palermo, un evento interessante che ha visto la partecipazione di relatori di eccellenza, i quali hanno approfondito, ognuno per il suo ramo di competenza, il ruolo della responsabilità medica e come questa incida nello svolgimento della professione medica.

L’avvocato del martedì_ Muffa in casa in affitto: l’inquilino ha diritto al risarcimento dei danni alla salute?

res_1474917229377

Se l’appartamento è in affitto chi risponde dei danni cagionati dalla muffa?
La tutela del diritto alla salute prevale su qualsiasi patto di esclusione di colpa tra i privati, tale principio è stabilito dalla Corte di Cassazione (sentenza n. 38559/14), pertanto, il locatore di un immobile è responsabile per i danni alla salute subiti dal conduttore nel corso del contratto e dovuti alle condizioni abitative dell’alloggio.
La Corte Suprema, ha affermato che il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell’immobile locato quand’anche tali condizioni fossero note al conduttore al momento della conclusione del contratto, poiché la tutela del diritto alla salute prevale su qualsiasi patto interpretativo di esclusione o limitazione di responsabilità.

L’AVVOCATO DEL MARTEDI’- DANNO ALLA SALUTE: TRASFUSIONI E DANNO DA CONTAGIO DA EPATITE “C”, QUALI SONO I DIRITTI DEL PAZIENTE?

2016-09-19-21-53-42

Caso: Nell’anno 1990 il sig. Mevio, si reca presso la struttura ospedaliera dell’ospedale “X” sito in località “Y” e veniva ricoverato d’urgenza a causa di un’anemia causata da un deficit di ferro nell’organismo. Durante il periodo di degenza ospedaliera a seguito di esami effettuati, l’emocromo mostrava una riduzione del quantitativo di emoglobina e di globuli rossi (MCV) al di sotto dei normali valori di riferimento, e dato che non poteva essere curato con una terapia farmacologica vista la gravità della malattia, il sig. Mevio veniva sottoposto a trasfusioni di sangue, affinché fossero idonee e sufficienti a riportare i valori ai normali livelli. Ma sfortunatamente le trasfusioni che gli venivano somministrate dall’ente ospedaliero presso il quale era ospitato, erano trasfusioni ad emotrasfusione di plasma ed emoderivati infetti dal virus dell’HCV. Pertanto, il sig. Mevio, a seguito della trasfusione da sangue infetto, scopre solamente qualche anno dopo di risultare reattivo al virus e di aver contratto “l’epatite C” – post trasfusionale.

L’Avvocato del Martedì – Dimissioni volontarie: Chi ha diritto all’indennità di disoccupazione?

img_20160912_213025

I lavoratori che perdono il posto di lavoro hanno diritto all’indennità di disoccupazione, un trattamento economico sostitutivo della retribuzione erogato dall’INPS. In questo modo il lavoratore percepisce un assegno che riduce gli effetti negativi della mancanza di un lavoro. Il sussidio è volto a tutelare chi ha perso il lavoro involontariamente.

Per questa settimana doppio appuntamento con “L’Avvocato del Martedì”: PALERMO – AUTOVELOX: Strumento di prevenzione o riempi tasche dei Comuni?

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Gli autovelox, sono strumenti poco capaci di saper prevenire sinistri stradali poiché rappresentano nella percezione comune un metodo “ingegnoso” da parte del Comune di tassare in modo indiretto e depauperare il portafoglio dei cittadini incrementando le proprie tasche, senza tra l’altro, investire tale denaro nella riorganizzazione e manutenzione della propria città, dunque allora: la voce del popolo palermitano chiede: Cosa sarebbe disposto a fare il Comune di Palermo per sollevare il malcontento cittadino? Sarebbe disposto ad abolire gli autovelox in sostituzione di un metodo idoneo per davvero a prevenire e tutelare l’incolumità dell’automobilista nonché la sicurezza delle strade?

L’Avvocato del Martedì: Sposa INFELICE! Risarcimento del danno non patrimoniale per nozze rovinate

Avvocato Francesca Paola Quartararo

Il matrimonio “da mille ed una notte” dovrebbe essere un giorno speciale, unico ed irripetibile da ricordare soprattutto per la sposa, ma può purtroppo accadere che tale momento venga rovinato a causa d’inadempimenti degli organizzatori dell’evento o per i disservizi forniti dalle varie imprese e/o società necessarie per la realizzazione delle nozze, come ad esempio: sposi che non hanno trovato i fiori in chiesa, coloro che non hanno avuto nemmeno il riso che doveva essere consegnato, dal banchetto di nozze indigesto, dalla luna di miele rovinata, insomma sono tanti i momenti sfortunati che possono verificarsi durante il “fatico SI” ed allora, ci si domanda:
E’ possibile il risarcimento derivante dal matrimonio rovinato?
La risposta a questa domanda è SI.

L’avvocato del Martedì:LA RISCOSSA DELLE DONNE, quando la preferenza di genere è questione di stato!

Avvocato Francesca Paola Quartararo

In vista delle imminenti elezioni amministrative che si terranno nel 2017, l’Assemblea Regionale Siciliana (ARS) ha approvato la nuova legge elettorale, adeguandola ai canoni nazionali. Una delle tante novità, oggetto di discussioni accese in aula per il parere contrario del M5S, è la cosiddetta “norma sulla doppia preferenza di genere”, che ha visto battersi in prima linea molte Onorevoli donne presente all’Ars.

Avvocato del Martedì: ACCISA “Rischio della scomparsa dei distillati italiani”

Accisa

(…) Un importante testimonianza è rappresentata dalla dichiarazione resa dal Dott. Alfredo Tutone, Presidente della storica azienda di famiglia, F.lli Tutone Anice Unico S.p.A., nonché della sezione agro-alimentare di Confindustria Palermo: “l’aumento delle accise è lo strumento che utilizza lo Stato per fare cassa, per coprire i deficit di bilancio che non riesce a colmare con la lotta all’evasione fiscale colpendo quelle classe imprenditoriale onesta che fa della trasparenza e correttezza la propria bandiera; chiaramente tutto ciò si riflette negativamente sulle vendite e sui consumi che diminuiscono vertiginosamente, con ricadute pesanti sui margini e sulle utilità societarie. Tutto ciò si riflette altresì sull’esposizione finanziaria, in quanto lo Stato non tiene conto di quei crediti inesigibili o incassati oltre i termini di legge, pretendendo che l’imposta sull’accisa sia versata regolarmente ogni mese. Sarebbe opportuno da parte dello Stato tutelare le P.M.I. le quali costituiscono il 90% della forza produttiva nazionale”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi